LaFavolaBlu logo

Musica genova dialetto maria cappello ma se ghe penso rondolotti trallalero otto urlatori sentieri SaporeDiMusica LaFavolaBlu

SaporeDiMusica

 " Il Mare della Musica di Genova "

 

Genova. La Superba che nel 1900 vede crescere il proprio mare nella musica. E, se pur lentamente nel tempo, la citta' scopre via a via, i natali di grandi artisti, in grado di offrire  al mondo della musica "Italiana" un contributo notevole, indelebile nel tempo.

Ma siamo nel 1925 quando Mario Cappello (musica e parole) in collaborazione con Attilio Margutti, compone una canzone che, fara' un viaggio intorno al mondo, e, parlando di Genova, attraverso il suo dialetto.

 

 "Ma  Se  Ghe  Penso"

(Ma Se Ci Penso)

In un primo momento solo intitolata "Se ghe penso", viene cantata per la prima volta dal soprano "Luisa Rondolotti" al teatro "Orfeo", una sala che a Genova non esiste piu'.

Il brano costituisce anche la nascita della "Canzone dialettale genovese". Le sue origini derivano dagli antichi "Trallalero". ai quali fa seguito lo swing di "Natalino Otto" del dopoguerra,  il gruppo degli "Urlatori" degli anni sessanta con il cantante "Jose Sentieri", per arrivare alla nascita della scuola dei cantautori genovesi.

 

"Ma se ghe penso" racconta la storia di un genovese che e' costretto ad emigrare nell'America Latina. Spinto alla ricerca di fortuna, viene malinconicamente pero' richiamato ai pensieri, alla bellezza, della sua citta', con il desiderio di poter ritornare. Il testo inizia con la descrizione dello stato sociale di poverta' del protagonista, (sensa un-a palanca), che torna dopo 30 anni a Genova, abbandonando cio' che aveva fino allora guadagnato pur di rivedere la sua terra (E sensa tanta cose o l'è partio).Non l'importa che suo figlio desideri restare n America, perche' e' cosi forte il richiamo di  tornare alla sua citta'.

 

La canzone trasporta con trasparenza, il valore di attaccamento che i genovesi nutrono per la loro citta'. Ma riesce anche a mettere da parte l'ideologia comune che vede i genovesi come "avari", perche' il brano denota i valori ben piu' importanti di quelli materiali. Un racconto che per la sua nitidezza espressiva, riesce a trasmettere, a chi l'ascolta, il grande cuore di un genovese: il sentimento sincero a compiere le grandi scelte della vita. "Avevo lottato per risparmiare, costruire la palazzina, il giardinetto, ma la nostalgia li attanaglia il cuore".

 

Vi mostriamo di seguito a questa nostra presentazione, l'intero testo sia in dialetto che in italiano, che riteniamo meriti di essere letto per tutto cio' che descrive, proprio sull'animo dei genovesi. In tempi recenti,la canzone e' stata cantata da Mina, e nel 2004, e' stata cantata da Antonella Ruggiero nel suo "Stralunato recital Live" e, nel 2007, la stessa la incide in una versione studio.

 


 TESTO ORIGINALE IN DIALETTO GENOVESE


« U l'ëa partiu sensa ûn-a palanca,
l'ëa zà trent'anni, forse anche ciû.
U l'aia luttou pe mette i dinæ a-a banca
e poèisene ancun ûn giurnu turna in zû
e fäse a palassinn-a e o giardinettu,
cu-o rampicante, cu-a cantinn-a e o vin,
a branda attaccâ a-i ærboui, a ûsu lettu,
pe daghe 'na schenâ séia e mattin.
Ma u figgiu ghe dixeiva: "Nu ghe pensâ
a Zena cöse ti ghe vêu turnâ?!"


Ma se ghe pensu allua mi veddu u mâ,
veddu i mæ munti e a ciassa da Nunsiâ,
riveddu u Righi e me s'astrenze o chêu,
veddu a lanterna, a cava, lazzû o mêu...
Riveddu a séia Zena illûminâ,
veddu là a Föxe e sentu franze o mâ
e allua mi pensu ancun de riturnâ
a pösâ e osse duve'òu mæ madunnâ.

 

U l'ëa passou du tempu, forse troppu,
u figgiu u ghe disceiva: "Stemmu ben,
duve ti vêu andâ, papá?.. pensiemmu doppu,
u viäggio, u má, t'é vëgio, nu cunven!"
"Oh nu, oh nu! me sentu ancun in gamba,
son stûffu e nu ne possu pròpriu ciû,
son stancu de sentî señor caramba,
mi vêuggiu ritornamene ancun in zû...
Ti t'ê nasciûo e t'æ parlou spagnollu,
mi son nasciûo zeneize e... nu ghe mollu!"

 

Ma se ghe penso allua mi veddo u mâ,
veddu i mæ monti e a ciassa da Nunsiâ,
riveddu u Righi e me s'astrenze u chêu,
veddu a lanterna, a cava e lazzû o mêu...
Riveddo a séia Zena illûminâ,
veddo là a Föxe e sento franze u mâ,
allua mi pensu ancun de riturnâ
a pösâ e osse dove'òu mæ madunnâ.

 

E sensa tante cöse u l'è partïu
e a Zena u gh'à furmóu turna u so nïu. »
 


TESTO ORIGINALE IN LINGUA ITALIANA

 « Era partito senza un soldo,
erano già trent'anni, forse anche più.
Aveva lottato per risparmiare
e potersene un giorno tornare giù
e farsi la palazzina e il giardinetto,
con il rampicante, con la cantina e il vino,
la branda attaccata agli alberi a uso letto,
per coricarcisi sera e mattina.
ma il figlio gli diceva: "Non ci pensare
a Genova cosa ci vuoi tornare?!"


Ma se ci penso allora io vedo il mare,
vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
rivedo il Righi e mi si stringe il cuore,
vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo...
Rivedo la sera Genova illuminata,
vedo là la Foce e sento frangere il mare
e allora io penso ancora di ritornare
a posare le ossa dov'è mia nonna.

 

Ed era passato del tempo, forse troppo,
il figlio insisteva: "Stiamo bene,
dove vuoi andare, papà?.. penseremo dopo,
il viaggio, il mare, sei vecchio, non conviene!"
"Oh no, oh no! mi sento ancora in gamba,
sono stufo e non ne posso proprio più,
sono stanco di sentire señor carramba,
io voglio ritornarmene ancora in giù...
Tu sei nato e hai parlato spagnolo,
io sono nato genovese e... non ci mollo!"

 

 Ma se ci penso allora io vedo il mare,
vedo i miei monti e piazza della Nunziata,
rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
vedo la lanterna, la cava, laggiù il molo...
Rivedo la sera Genova illuminata,
vedo là la Foce e sento frangere il mare,
e allora io penso ancora di ritornare
a posare le ossa dov'è la mia nonna.

 

 E senza tante cose è partito
e a Genova ha formato di nuovo il suo nido. »

 


Non ti perdere l'occasione di ascoltare ora la canzone, qui cantata dalla bravura incredibile

di Antonella Ruggiero

che ha saputo arricchirla con sommo trasporto.

Una poesia vera e propria che tanto rivela il grande cuore di un Genovese.

 "Ma Se Ghe Penso"