LaFavolaBlu logo

Disciplina scientifica sistemica storica etnologica applicata archeologica strumenti primitivi sachs AbissiDiMusicologia LaFavolaBlu

AbissiDiMusicologia

" La Musica ondeggia nel mare...di  una Scienza "

 

 

"La Musicologia" è una branca della musica che, come disciplina ad approccio scientifico, vede la sua luce in Germania durante il XIX secolo e si sviluppa fino in Francia.
 

La scienza della musica veniva affrontata adottando i criteri e le metodologie che in genere si applicano allo studio delle scienze naturali. Come tale è molto diffusa nei paesi dell’Europa e delle Americhe e solo recentemente anche in Italia.
 

La Musicologia abbraccia diversi aspetti della musica:
 

  1. Musicologia sistematica: disciplina che affronta la musica in senso teorico;
  2. Musicologia storica: studio della musica colta prodotta in Europa dal medioevo, utilizzando dapprima un approccio storico (filologia, bibliografia, critica testuale);
  3. Musicologia etnologica: musica comparata europea ed estraoccidentale, ovvero vista nei vari contesti culturali e civili;
  4. Musicologia applicata: applicazione della musica in altri ambiti (musicoterapia, didattica, etc);
  5. Musicologia archeologica: studio dei fenomeni musicali dell’età antica.
     

Tra gli esponenti della Musicologia italiana abbiamo nel territorio ligure il professore Antonio Delfino di Albissola (SV), docente presso la Facoltà di Musicologia dell’Università di Pavia che si trova a Cremona.
 

ORIGINE DELLA MUSICA

Uno degli aspetti più importanti della scienza della musica è senza dubbio lo studio dell’origine della musica. In tal senso sono state ipotizzate diverse teorie:
 

  • Teoria biologica: secondo Herbert Spencer, la musica nasce dal linguaggio parlato ed è influenzata dagli stati d’animo; l’origine del canto deriva direttamente dal parlato su toni acuti.
  • Teoria adattativa: secondo Charles Darwin, la musica è il risultato dei processi di seduzione tra i due sessi, dove il canto dell’uomo imita quello degli animali, specie nella stagione degli amori.
  • Teoria psicologica: secondo Carl Stumpf, la musica nasce per l’esigenza di produrre segnali con la voce, dai quali si sono originati suoni di diversa altezza emessi contemporaneamente o di seguito.
  • Teoria del ritmo: secondo Karl Bucher e Richard Wallaschek, l’origine della musica bisogna farla risalire al ritmo che accompagna i movimenti dell’attività di lavoro nelle comunità tribali.
     

Tutte queste teorie si basavano sul fatto che l’origine della musica si potesse basare da un unico processo uguale, idea non molto accolta anche se diversi studi hanno cercato di trovare un’origine primordiale della musica ma, nonostante accurate ricerche nel campo della musicologia comparata, c’è la convinzione che non sia semplice risalire alla sua origine precisa.
 

STRUMENTI DEI POPOLI PRIMITIVI
 

Il musicologo tedesco "Curt Sachs "ha stilato una classificazione degli strumenti utilizzati dai popoli primitivi in base al corpo vibrante, dando indicazioni sia geografiche che culturali.
 

  • Idiofoni: strumenti che producono suoni tramite la vibrazione del materiale di cui sono composti, senza parti in tensioni e tra questi riconosciamo strumenti:

(a percussione (tamburi);

(a scotimento (sonagli);
(a raschiamento (guiro);
(a pizzico (scacciapensieri);
(a frizione;
(ad aria.
 

  • Membranofori: strumenti il cui suono è prodotto dalla vibrazione di una membrana tesa su un’apertura, come nei:

o tamburi, che a loro volta possono essere:

(a percussione;
(a pizzico;
(a frizione;
o mirliton, formato da un corpo cavo di forma tubulare di legno/metallo.
 

  • Aerofoni: strumenti che producono il suono attraverso la vibrazione primaria dell’aria, indotta da una sollecitazione esterna e possono essere:

(A deviazione (frusta);
(Ad interruzione (sirena);
(Ad esplosione (mortaretto).
 

  • Fiati: strumenti il cui suono è prodotto dalla vibrazione di una colonna d’aria in un tubo.

 

  • Cordofoni: strumenti il cui suono è prodotto dalla vibrazione primaria di una corda tesa tra punti fissi e si possono distingueretra:

(Cordofoni semplici (cetra), in cui la corda è tesa direttamente sulla cassa di risonanza;
(Cordofoni complessi (arpa), in cui le corde sono tese tra la cassa e un manico.

 

 


MUSICA E MITOLOGIA

 

C’è sempre stato, nel tempo, la volontà di creare un nesso tra la musica e la presenza delle divinità, soprattutto come lo possiamo vedere nei racconti sulla creazione del mondo e sulla nascita degli dei (mitologia degli indiani d’America), oppure durante imprese epiche di eroi leggendari (come narrato nei racconti della Bibbia) oppure ancora sull’origine dei primi strumenti musicali, come raccontato dalle storie della mitologia cinese.