LaFavolaBlu logo

Mango musica italiana storia biografia discografia collaborazioni concerti informazioni multimedia Mango LaFavolaBlu

Mango

 

"Mango" al secolo Giuseppe Mango, nasce a Lagonegro (PZ) il 6 novembre del 1954. Inizia prestissimo a immergersi nel mondo della musica: già a 7 anni suona in piccole band del posto. Trasferitosi a Roma nel 1975, incide il primo album La mia ragazza è un gran caldo.

 

Qualche anno dopo pubblica per la Numero uno il suo secondo album, Arlecchino, dove il fratello Armando compare come autore di testi e musica.

 

Negli anni ’80, con il brano Oro inizia la scalata verso il successo, aggiungendosi poi i successi sanremesi Il viaggio (1985) e Lei verrà (1986).

 

La fama di Mango oltrepassa il confine italiano con l’album Adesso(1987) che viene proposto in Europa, collocandosi ai vertici delle varie chart. Gli anni ’90 vedono produzioni con sonorità che tendono alla musica mediterranea come in Sirtaki (1990), dove compaiono gli ottimi singoli Come Monna Lisa, Nella mia città e Ma com’è rossa la ciliegia, e in Come l’acqua (1992) che contiene il suggestivo brano Mediterraneo, scritto da Mogol.

Il suo stile continua ad evolversi, soprattutto da quando decide di essere l’autore dei propri testi, e un esempio è l’album Disincanto del 2002 dai connotati decisamente autobiografici. Di gran nota è la sua recente produzione, l’Acchiappanuvole (2008), in cui sono contenute cover di brani di altri artisti come La stagione dell’amore e Amore bello, dove duetta con rispettivamente con Franco Battiato e Claudio Baglioni.

Ultimamente si è anche cimentato nella poesia pubblicando a proposito due libri, “Nel malamente mondo non ti trovo” e “Di quanto stupore”.

 In sintesi la carriera artistica di Mango:

 

  • 1976: è l’anno in cui pubblica il suo primo album, La mia ragazza è un gran caldo; alcuni brani vengono presi d’occhio sia da Patty Pravo che da Mia Martini che li inseriranno in seguito nei loro rispettivi album.
  • 1977: passa alla Numero Uno di Mogol e Lucio Battisti, per la quale incide diversi 45 giri (Una danza/Non aspettarmi, Fili d’aria/Quasi amore) e l’anno successivo pubblica il secondo album personale, Arlecchino.
  • Anni ’80: sono gli anni dei maggiori successi, dove viene riconosciuto come uno dei migliori autori nel panorama musicale italiano e sono di questo periodo gli album Australia (1985), Odissea (1986) e Adesso (1987), quest’ultimo di successo anche nelle classifiche europee.
  • Anni ’90: in questo periodo nascono brani con tonalità mediterranee, come Nella mia città, Ma com’è rossa la ciliegia e Mediterraneo; del 1995 è il primo album live Dove vai, che include anche l’omonima canzone presentata al festival sanremese e del 1997 Credo, album che inizia a segnare una nuova svolta stilistica delle melodie di Mango.
  • 2000 : il nuovo look dei brani non è solo a livello di musica ma anche nei testi che sono dei ritratti del suo intimo sentire, come in Disincanto del 2002 e Ti porto in Africa del 2004; in l’Acchiappanuvole (2008) propone al pubblico sue personali interpretazioni di brani di suoi colleghi.
  • 2011 viene pubblicato il suo album "La Terra Degli Aquiloni".
  • 2014 durante uno dei suoi concerti, il giorno 7 dicembre a Matera, appena terminato il live, si spegne improvvisamente all'eta di 60 anni.

 


Naviga ora sulle

 “Maree Musica"
(clicca sui loghi)

 

 


 


 

 Ciao Laura,...un abbraccio!