LaFavolaBlu logo

Storia musica disco anni 2000 italia inghilterra cantanti gruppi MareaDiscoItalia LaFavolaBlu

MareaDiscoItalia

 " La storia della musica dance "

Il successo in Italia.

 

 

I primi anni dell’anno 2000 sono considerati dagli appassionati del genere, il periodo migliore della Italo Dance.

Si giunge alla house definita “sofisticata” con esempi come: GrooveJet" di Spiller (cantata da Sophie Ellis-Bextor) alla trance di "Komodo/Save a soul" di Mauro Picotto, alla mediterranean progressive di "L'Amour Toujours" di Gigi D'Agostino, alla dance italiana più facile di "Let me Stay" di Prezioso feat. Marvin, o di "Inside to outside" (1999) e di "Beautiful world" (2000) entrambe di Lady Violet, fino al fenomeno dance-pop degli Eiffel 65 che acquistano successo non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo.

I primi anni del nuovo millennio vedono il ritorno in Italia del fenomeno house: nei club si alternano sonorità funky campionate e stravolte come nel caso di "In The Music" dei DeepSwing o di Tom Jones che fa remixare la propria "Sex Bomb" da Mousse T, il quale campiona "All American Girls" delle Sister Sledge.

La club culture prende nuovamente il sopravvento e stavolta il fenomeno house attinge alle sonorità funky anni settanta. Esempi notevoli di questo nuovo filone di House moderna sono senza dubbio: "Disco Down" degli House of Glass (2000), "Rise" dei Soulproviders (2000), Soul Heaven dei Goodfellas (2000), Rise Up di SunKids feat. Chance (vocalist dalla voce incredibilmente somigliante a quella di Aretha Franklin, nonché corista di Zucchero)
Agli inizi del terzo millennio, inizia a dilagare però anche il fenomeno Napster: il pubblico sceglie di non comprare più musica originale ma di attingere ad internet come unica fonte di informazione e di assunzione di musica. Le compilation di musica da discoteca (le varie etichette come Hit-Mania, Hot Party etc.), subiscono un drastico crollo delle vendite.

 

 


" ANNI 00 "

 

  • 2001

Black Water degli Octave One (2001) e Shined on Me di Praise Cats (2001), Can't Get You out of My Head della star Kylie Minogue con l'album Fever del 2001 che riprenderà la dance anni 90. In questo periodo sorge anche un fortunato nuovo filone di House "Afro-Tribale" che vuole distinguersi per la sua ricercatezza ed esoticità. Della Tribal-House vanno senz'altro ricordati: Edony Clap Your Hands di Africanism (2000), Sume Sigh Sey di House Of Gypsies (2001),

 

2002

Verso la fine del 2002 Discoradio rivela al grande pubblico il talento di Luca Zeta con il brano "I'll Be Good To You" seguito, l'anno dopo, da "Got To Believe". Due DJ italiani riportano in auge il genere Techno: Benny Benassi e il cugino Alle (Benassi Bros) con la hit "Satisfaction" (successo mondiale del 2003), rispolverano i suoni pesanti ed ipnotici della techno dei primi anni novanta, creando un nuovo filone che molti etichettano come "trance", altri come "electro" o "tech house

 

  • 2003

Nell'estate del 2003, nasce il progetto”Danijay feat.hellen”(che dal 2004 in poi continuerà come solista Danijay ) e “Promiseland” proseguendo con vari successi italodance anche in contrasto con il filone house che spopola. In quest'anno, inoltre, arrivano in cima alle classifiche tormentoni come "Voglio vederti danzare 2003" di Prezioso feat. Marvin, "Giulia" di Dj Lhasa e "Dragostea din tei" del gruppo moldavo O-Zone, remixata da Gabry Ponte.

 

  • 2004

L'Italia continua ad offrire quella che nel mondo viene chiamata "Italodance". I protagonisti della scena rimangono quelli di fine millennio: gli Eiffel 65, da cui si staccherà Gabry Ponte e a seguire i Bloom 06, Gigi D'Agostino, Alex MC, Prezioso feat. Marvin, Molella, Erika, Billy More.Altri artisti di rilievo tra il 2001 e il 2004 sono: Mash, M@d, Floorfilla, Dj Lhasa. La fine del 2004 ha portato un brusco cambiamento alle playlist e alle classifiche delle radio, in cui Easy House ed Electro-house cominciano a diffondersi a scapito di Italodance e Techno fino ad ora in auge. Infatti dopo gli ultimi successi del filone precedente come "Memories" dei Promise Land primeggiano Tommy Vee con "Stay", Michael Gray con "The weekend", Axwell con "Feel the vibe", Mylo con "Drop the pressure", The house keepers con "Go down", remake della celebre canzone di Amanda Lear,dalle sonorità nettamente differenti.

 

  • 2005

Nel 2005 Bob Sinclar con il singolo "Love generation", riesce a catturare l'attenzione in modo imponente, con un genere elettronico pseudo dance dai tratti pop e house. Il successo verrà replicato l'anno seguente con il singolo "World, hold on".Nello stesso anno Madonna ritorna al genere ballabile che la rese famosa negli anni '80: con l'album interamente elettronico Confessions on a Dancefloor ottiene un enorme successo, ed i vari singoli Hung Up, Sorry, Get Together e Jump scalano le classifiche, più recentemente "Give It 2 Me" nel 2008.

 

  • 2006- 07 – 08

Anche Robbie Williams produce singoli che risultano essere un misto di generi club culture: i primi singoli sono "Rude box", "Love light" e "She's madonna". A fine 2006 e per buona parte del 2007 Bob Sinclar riesce ancora a riportare l'attenzione sul genere dance ricampionando con base reggaeton "Gonna Make you Sweat (Everybody dance Now)" di C&C Music Factory (1990): si tratta di "Rock this party" che sarà seguito dal brano fotocopia "Sound of Freedom" anch'esso ricampionatura di un altro successo dance d'inizio anni 90, "Everybody's Free" di Rozalla (1991).
 

Anche uno dei rari successi estivi come "Relax (Take It Easy)" di Mika si rivelerà in realtà la ricampionatura di "I just died in your arms tonight" dei Cutting Crew successo pop del 1986. Anche se questi sono i dischi che più si ricordano di questi ultimi anni, nel filone eurodance ci sono comunque produzioni come "Depends on you" di Gabry Ponte, "Lonely" dei Deep Spirit, "California" dei Club Oriented, "Future Mind" di Roby Rossini, "Break one" dei Ghost Dj, "Vibe" di Provenzano Dj, "Melody of life" dei Gemini Station, "Eurofolk" degli Italian Deejay's, "Don't go" degli Starting rock.

 

Tra il 2006 e il 2008 c'è comunque da segnalare l'impegno di artisti italiani nella promozione della dance: Danijay e Luca Zeta hanno entrambi prodotto 2 album e insieme hanno realizzato 3 volumi della compilation "Dance Passion", Ma.Bra ha confezionato diversi e.p. ed infine Gigi D'Agostino ha continuato a produrre dance parallelamente al lento violento, pubblicando il cd "Suono Libero".


 


Per ascoltare le musiche Dance Italia di:

Gigi D'Agostino

prego cliccare sul logo!