LaFavolaBlu logo

Genova liguria storia origini invasione romana barbarica medioevo cristoforo colombo napoleone porto SaporeDiMare LaFavolaBlu

SaporeDiMare

 " La Storia ed il Mare della Liguria "

 

Liguria, terra & mare, densi di leggende e di eventi storici, perche’ parlare della nostra regione, e’ soprattutto narrare, delle sue storiche origini, del lungo percorso evolutivo intrapreso nei secoli dal popolo, e del grosso contributo offerto dalla citta’ di Genova. La parola “Liguria” e “Liguri” fu assegnata dai Greci e successivamente dai Romani. Significa luogo paludoso od acquitrino.

Di seguito presentiamo le tappe storiche maggiormente significative :

 

  • LE ORIGINI

I Liguri costituiscono uno dei popoli piu’ antichi del mediterraneo. La presenza dell’uomo sul territorio e’ assai remota. Nell’era paleolitica, periodo dell’uomo di Nearderthal, all’interno delle grotte dei Balzi Rossi (Sanremo) a Toirano ed in altre localita’, sono stati rinvenute tracce umane, oggetti di corredo, le prime opera d’arte Italiane e del Mediterraneo.

 

  • INVASIONE ROMANA

La Liguria e’ terra di conquista dei Romani due secoli e mezzo, prima di Cristo. Per giungere al dominio sull’intero territorio, Roma deve fare fronte a molte difficolta’, perche’ le tribu’ Liguri, si alleano volontariamente con i Cartaginesi ed i Galli. Ecco che i Romani, costruiscono le grandi strade come: via Julia Augusta (da vado alla Provenza) via Postumia ( da Tortona a Genova) via Aemilia Scauri ( da Tortona a Vado). Cio’ consente a Roma di assicurarsi la Liguria, il commercio, gli scambi. Le citta’ Romane piu’ importanti sono: Ventimiglia (Albintillium), Albenga (Albingaunum), Vado (Vada Sabatia), Genova (Genua), e Luni (Luna).

 

  • INVASIONE BARBARICA

L’impero romano cade e la Liguria, e’ meta delle invasioni Barbariche dei Visigoti (re Alarico), degli Eruli, e dei Goti. Successivamente viene conquistata dai Bizantini, che comprendono per primi in assoluto, l’importanza dei porti Liguri, nella difesa delle terre. Tra il IV e X secolo, i Longobardi di Rotari, ed i Franchi, dominano la regione, fino all’invasione dei Saraceni ed i Normanni. Segue la sconfitta dei Saraceni e dopo il mille, avviene la grande ripresa dell’attivita’ commerciale.

 

  • MEDIOEVO

La Liguria si presenta “divisa” in 3 marche feudali: - Arduinica (ad occidente), - Aleramica (al centro), - Orbetenga (ad oriente). A questo momento della storia, Genova si afferma a tutti gli effetti. Nel periodo dal XI al XII secolo, le marche feudali divengono feudi. L’organizzazione feudale vede un incremento del poter dei “Vescovi”. Vengono creati i liberi comuni, e, Genova, in taluna circostanza, impone la sua preminenza, su tutte le altre citta’ della Liguria.
La storia qui va ricercata al di fuori della terraferma, in quanto si sviluppa dalla “prima crociata”, che attraverso le fasi esplorative, e conseguentemente commerciali, da parte di alcune famiglie e degli alberghi genovesi, ma che in verita’, interessano l’intera regione.
Dal XII al XIV secolo, La Repubblica Marinara di Genova diviene un impero coloniale, (la piu’ potente di tutto il Mediterraneo) sviluppando interessi economici, politici, in tutto il mar Mediterraneo, il mar Nero, dallo stretto di Gibilterra fino all’Asia centrale. Rotte fra porti e crocevie commerciali.
Eccone come esempio alcune:
- Southampton
- Fiandre
- Gibilterra, Sivigilia
- Provenza
- Corsica e Sardegna
- Costa Nord Africana fino all’Egitto (Alessandria)
- Cipro
- Anatolia
- Romania
- Asia (Astrakan)
- Mesopotamia

La scuola di Navigazione Ligure” diviene un punto di serio riferimento per le marinerie reali Inglesi, Spagnole, Francesi. Fra gli esploratori Liguri prestigiosi annoveriamo: Fratelli Vivaldi, Leon Pancaldo, Antoniotto Usodimare, Giovanni Caboto, Cristoforo Colombo.E fra gli ammiragli: Oberto Doria, Oberto Spinola, Andrea Doria.
Genova, deve pero’ lottare per mantenere il suo impero, contro i Visconti, la Francia, e l’impero Romano, e, riguadagna il suo prestigio politico nel 1528, con l’ammiraglio Andrea Doria.

 

  • FINO AD OGGI

Una data particolare: 12 ottobre 1492, e Cristoforo Colombo, scopre l’America. Ma per la Liguria ne segue un periodo di decadenza. Nel 1746 Genova viene occupata dagli Austriaci. Nel 1805 la Liguria diviene territorio dell’impero di Napoleone. 1815 la regione viene annessa al Regno di Sardegna, sotto i Savoia, per poi fare parte dell’Italia in seguito. Infatti nel 1800, grazie anche a 4 rinomati personaggi liguri (ma anche ad altri patrioti) come Giuseppe Garibaldi, Giuseppe Mazzini, Goffredo Mameli, Nino Bixio, si conretizzera' l’Unita’ d’Italia.Nella II guerra mondiale, la Liguria e’ occupata dalle forze tedesche, contrastate dai “Partigiani” nascosti sui monti della loro terra.

 

A distanza ravvicinata dei tempi moderni, nel dopoguerra, con lo sviluppo industriale, Genova, modifica il suo territorio (Come quartieri come Sampierdarena.Sestri Ponente,Cornigliano) per dare spazio alla crescita di industrie ferriere, acciaierie, tessili, cartiere, zuccherifici, oleifici, alimentari, cantieristica navale, e lo sviluppo portuale.
Poi per la fine degli anni 1950 ed inizio del 1960, dallo sviluppo industriale si passa all’incremento del settore terziario, con i servizi al turismo ed alla cultura, sia pubblici che privati.
Anno 2000 e Genova, e’ in linea con la societa’ tesa all’informazione, ed aperta ad un clima di collaborazione europeo ed internazionale. Ecco dunque l’anno 2004 “Capitale europea della cultura” dove Genova si lascia mostrare nel suo splendore storico, culturale, turistico.